È con estremo rammarico che abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la produzione e chiudere le nostre sedi italiane fino al 29 marzo. 

Abbiamo fatto tutto ciò che era in nostro potere per garantire condizioni di lavoro sicure per i nostri collaboratori e clienti, ma il diffondersi dell’epidemia di coronavirus, e le recenti prescrizioni del Governo italiano in termini di restrizioni e misure di sicurezza negli stabilimenti produttivi ci impongono di rivedere le decisioni prese sin qui. 

Nelle ultime ore la situazione è peggiorata notevolmente e stiamo affrontando in prima linea l’emergenza sanitaria poiché alcuni parenti di nostri collaboratori sono risultati positivi al virus. I servizi di logistica e trasporti nel nord dell’Italia sono gravemente compromessi a causa della situazione e delle nuove limitazioni imposte da alcuni dei paesi confinanti ai vettori provenienti dall’Italia. 

A questo punto – e la situazione muta con estrema volatilità – siamo costretti a fermarci e sospendere le attività per le prossime settimane. Siamo pronti a rientrare in operatività non appena la situazione sarà tornata alla normalità. 

Confidiamo nella vostra comprensione e collaborazione, e restiamo a disposizione per ogni chiarimento. 

Cordialmente, 

Alessandro Mezzalira 
CEO